Borghi Lazio Rigenerazione

Amatrice

Sento già un languorino...ecco il borgo più goloso!

Ma…quando si mangia?

Amatrice  è un piccolo borgo di meno di 3000 persone a Rieti. Un’area, sede del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, che è stata storicamente sotto l’Abruzzo per anni, prima di passare poi al Lazio. Sull’origine del suo nome, sono state fatte molte ipotesi ma è indiscutibile che questa denominazione rievochi soprattutto il concetto di “Madre”. Per tanti Amatrice è, infatti, “La madre del Tronto”, Mater Truentum da cui “Ma-Tru’”, è dai monti amatriciani che nascono le sorgenti del fiume Tronto.

Amatrice è tristemente conosciuta anche per essere un’area fortemente sismica, colpita nel 2016 da un terremoto devastante che ha completamente distrutto la sua parte antica. Ma come ci piace sempre ricordare: ‘qui non si molla’ ed è fondamentale visitare e scoprire queste zone anche per aiutare e supportare la loro economia locale.

Bisogna tenesse stretti l’amici ma ancora più stretti i bucatini all’amatriciana.

Proverbio Storico

Il nostro consiglio culinario? Un po’ scontato. Il piatto che ha reso questo borgo famoso in tutto il mondo è sicuramente l’Amatriciana.
La ricetta tradizionale con il marchio DE.CO. è composta da: guanciale amatriciano, pecorino di Amatrice, olio extra-vergine di oliva, pomodori pelati o San Marzano, peperoncino, pepe, vino bianco e sale. E allora che aspettate? Visitate Amatrice e godetevi un buon cibo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: